Foto Home: Roberto Sauli
  • 30/06/2018 Visita di monitoraggio 2018

    Il 28 e 29 giugno LIFE Wetflyamphibia ha ospitato la visita di monitoraggio della Commissione Europea. Il primo giorno il partenariato ha illustrato al monitor le attività realizzate e l’andamento del progetto. Il secondo giorno è stato dedicato alla visita di alcune aree nel Parco Nazionale Foreste Casentinesi in cui sono stati realizzati o ripristinati i siti riproduttivi dell'Ululone appenninico: Stradelli, Rifugio il Lago, Vitareta, La Chiusa, Corniolo (presso il centro di riproduzione ex situ), Pian d'Astura. Il tour è stato ricco anche di incontri ravvicinati.....

  • 07/05/2018 Incontro con la Regione Toscana

    Venerdì 4 maggio 2018 si è tenuto a Pratovecchio (AR), presso la sede del Parco Nazionale, un incontro tra il progetto LIFE WetFlyAmphibia e la Regione Toscana.

    Oltre alla presentazione del progetto e delle azioni previste, è stata definita una condivisione di intenti per la conservazione degli anfibi (ed in particolare delle specie target del progetto) a livello regionale.

     

  • 09/04/2018 Ripristino delle aree umide per l'Ululone appenninico

    Il 4 e 6 Aprile sono state realizzate le prime piantagioni per la ricostituzione delle aree umide per l'Ululone appenninico nel Parco Nazionale Foreste Casentinesi. I siti interessati sono stati Stradelli, Gaviserri, Rifugio Il Lago e Vitareta, dove già erano stati conclusi gli interventi di realizzazione di pozze e fontanili. Questi siti infatti saranno le principali aree umide del versante toscano in cui sarà riportato l'Ululone. Alle attività hanno partecipato il Parco Nazionale Foreste Casentinesi, l'Università degli studi di Pavia, l'Unione dei comuni montani del Casentino e la DREAm Italia - Area Fauna.

  • 19/03/2018 Incontri con gli stakeholders

    Martedì 13 marzo si sono tenuti in contemporanea due incontri con i portatori d'interesse del LIFE WETFLYAMPHIBIA.
    A Santa Sofia si è tenuta una giornata di aggiornamento dedicata alle guide escursionistiche, agli operatori delle strutture informative del Parco, agli aderenti alla Carta Europea del Turismo Sostenibile e altri operatori.
    A Pratovecchio si è tenuto un incontro con gli allevatori durante l'evento "Dalla protezione del bestiame alla qualità del prodotto agricolo: le eccellenze toscane".

  • 10/03/2018 Incontro con gli allevatori della Toscana

    Martedì 13 Marzo si terrà alle 14.30 presso la sede del Parco a Pratovecchio (AR) un evento rivolto alle aziende zootecniche intitolato "Dalla protezione del bestiame alla qualità del prodotto agricolo: le eccellenze toscane". L'incontro punta sul ruolo dell'allevatore come presidio del territorio, che vuol dire curare il benessere animale e valorizzare l'ambiente dove l'azienda è ubicata. Nell'occasione sarà presentato il Progetto LIFE WetFlyAmphibia per sensibilizzare gli allevatori sull'importanza dei pascoli e dell'attività zootecnica nella conservazione dell'Ululone appenninico.

    L'attività rientra nell'ambito dell'azione di disseminazione "E6 - Progetto di sensibilizzazione".

    Consulta qui il programma dell'evento.

     

  • 09/03/2018 Corso di aggiornamento sulle attività realizzate

    Martedì 13 marzo si terrà a Santa Sofia (FC) una giornata di aggiornamento rivolta alle guide escursionistiche, agli operatori delle strutture informative del Parco, agli aderenti alla Carta Europea del Turismo Sostenibile e altri operatori. Tra i temi trattati vi sarà anche un aggiornamento sulle attività ad oggi svolte dal Progetto LIFE WetFlyAmphibia.

    L'attività rientra nell'ambito dell'Azione di disseminazione "E6 - Progetto di sensibilizzazione" del LIFE.

    Consulta qui il programma della giornata.

  • 29/01/2018 Ripristino di siti riproduttivi

    Si è tenuto in questo week-end nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi il 1° Turno del 2018 sulle attività di volontariato faunistico del Parco, completamente dedidato agli anfibi. Ringraziamo i volontari che hanno contribuito al ripristino di alcuni siti riproduttivi dell'Ululone nella zona di San Benedetto.

  • 19/01/2018 La distribuzione degli anfibi su WebGIS

    Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi ha attivato un nuovo strumento (WebGIS) che permette di accedere in modo semplice e diretto ad una serie di mappe informative su tutti gli aspetti che riguardano l'area protetta: dalla natura alla storia, alla cultura fino alla gestione del territorio. L'obiettivo del WebGIS è quello di condividere le informazioni, frutto delle ricerche e delle indagini realizzate sul territorio, per favorire la conoscenza dell'area protetta, stimolare i visitatori ad una visita consapevole e informarli sulla biodiversità e la storia che è possibile incontrare lungo i sentieri del Parco.

    Lo strumento è frutto del lavoro svolto nel corso del 2017 nell’ambito della Borsa di Studio intitolata a Pietro Zangheri. Nuove mappe e contenuti verranno pubblicati periodicamente in modo da sviluppare sempre più la piattaforma e mantenerla sempre aggiornata.

    Consulta le mappe della distribuzione degli anfibi presenti all'interno del Parco a questo link.

  • 15/01/2018 LIFE WetFlyAmphibia su Plant Sociology

    Plant Sociology è una rivista internazionale curata dalla Società Italiana di Scienza della Vegetazione (ex Società Italiana di Fitosociologia). Pubblica articoli di ricerca originali su tutti gli aspetti della fitosociologia, dalla comunità al livello del paesaggio. Il volume uscito lo scorso Dicembre contiene un articolo riguardante l'azione C3 "Produzione del materiale vegetativo per il ripristino vegetazionale del habitat 6430 nel Parco Nazionale Foreste Casentinesi", che è consultabile a questo link.
  • 10/01/2018 Turno di volontariato sugli Anfibi

    Collabora con LIFE WETFLYAMPHIBIA ed iscriviti al primo turno di volontariato del 2018 dedicato agli anfibi, programmato per il 26-28 gennaio: i volontari, dopo un'iniziale formazione con l'esperto, lavoreranno all'ampliamento e salvaguardia degli habitat delle specie target.

    Per maggiori informazioni sulle modalità di iscrizione visita il sito del Parco Nazionale a questo link.

  • 27/11/2017 Incontro con allevatori di Pratovecchio Stia

    Si è tenuto giovedì 23 Novembre 2017 presso la sede del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi l'incontro tra LIFE WetFlyAmphibia e gli allevatori e le aziende agricole del Comune di Pratovecchio Stia. E' stato molto interessante vedere l'interesse che gli interventi del progetto hanno suscitato sulle persone presenti e soprattutto ci hanno fatto piacere i ricordi degli allevatori riguardo alla "rana delle pozze" che cantava al tramonto (così chiamavano l'Ululone) e che già da diversi anni non era più stata avvistata. L'Ululone appenninico risulta infatti scomparso da circa 10 anni nelle Foreste Casentinesi.
    Gli allevatori ci hanno inoltre segnalato la presenza di sorgenti, pozze e abbeveratoi nelle aree di pascolo, rendendosi disponibili ad accompagnarci a fare dei sopralluoghi per valutare la possibilità di estendere gli interventi di conservazione del LIFE anche nei loro terreni.

  • 22/11/2017 WetFlyAmphibia con LIFE Slovenija

    Lo scorso 9 Novembre Life WetFlyAmphibia è stato ospite del workshop organizzato da LIFE Slovenija che ha avuto lo scopo di illustrare ai tecnici e gestori delle aree protette della Slovenia come si gestisce un progetto LIFE. Per noi è stato un onore ricevere l'invito a portare la nostra esperienza come esempio concreto di utilizzo degli strumenti finanziari europei per realizzare progetti di conservazione della natura all'interno di un Parco Nazionale.

    Per conoscere il LIFE Slovenija visitare il sito www.lifeslovenija.si

  • 21/11/2017 Incontro con gli agricoltori e gli allevatori

    Si terrà giovedì 23 novembre 2017 alle ore 17.00 a Pratovecchio (AR) presso la sede del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna l'incontro con gli allevatori e gli agricoltori di Pratovecchio Stia. L'incontro rientra nell'azione E6 "Progetto di sensibilizzazione" che prevede di informare i portatori di interesse in merito agli obiettivi, alle attività del progetto LIFE e alle buone pratiche che anche le aziende agricole possono mettere in atto per favorire la conservazione degli anfibi.

  • 14/11/2017 LIFE WFA insieme ai bambini di Forlimpopoli

    In occasione della mostra fotografica "La Romagna di Pietro Zangheri", organizzata dall'Istituto scolastico comprensivo "E. Rosetti" e che si è svolta a Forlimpopoli (FC) dal 6 al 10 novembre 2017, LIFE WETFLYAMPHIBIA ha incontrato i bambini delle classi 3°B, 1°C, 3°C e 5°C. E' stato allestito un laboratorio didattico nei locali della ex palestrina Don Milani, per parlare di anfibi e far conoscere ai bambini le attività del nostro progetto.

  • 03/11/2017 LIFE WFA al seminario sulla trota mediterranea

    LIFE WetFlyAmphibia sarà presente al seminario "La tutela della trota mediterranea: iniziative e proposte per una corretta politica di gestione dei corsi d’acquea e delle specie
    ittiche invasive" organizzato dal parco nazionale delle Foreste Casentinesi, che si terrà presso il centro visita di Premilcuore il 16 novembre 2017, con un intervento dal titolo “Ripopolamenti ittici e conservazione di anfibi nel Parco: il progetto Life WetFlyAmphibia".
     
    Scarica qui il programma dell'evento.
     
  • 27/10/2017 Collabora con noi. Disponibili i questionari on line

    IL progetto europeo LIFE WetFlyAmphibia ha tra i suoi obiettivi anche il monitoraggio dei servizi offerti ai turisti/escursionisti, alle comunità locali e agli operatori del settore agro-pastorale, con riferimento sia alle azioni realizzate, sia all’area protetta all’interno della quale il progetto stesso si svolge. Per contribuire alla raccolta di questi dati e per migliorare i servizi offerti sono stati creati dei questionari rivolti ai portatori di interesse.

    I questionari sono a libero accesso e sono disponibili nella sezione Contatti - Collabora con noi

  • 18/10/2017 Interventi nel versante toscano del Parco

    Nel versante toscano del Parco sono già stati realizzati tra il 2016 ed il 2017 alcuni degli interventi previsti dal progetto LIFE WETFLYAMPHIBIA per la conservazione degli anfibi. Nel video di seguito proposto sono riportati i seguenti interventi:

    • Rifugio il Lago: ricostituzione di un’area umida con taglio della vegetazione arborea e ripristino della sorgente per l’alimentazione dello stagno

    • Rifugio il Lago: realizzazione di un fontanile e di una pozza. L’area costituisce uno dei cinque siti di ripopolamento dell’ululone appenninico

    • Podere Stradelli: realizzazione di un fontanile e di 4 pozze. L’area costituisce uno dei 5 siti di ripopolamento dell’ululone appenninico

    • Metaleto Camaldoli: taglio di conifere ombreggianti e ripristino di 5 pozze nello stagno interrato. L’area costituisce uno dei 5 siti di ripopolamento dell’ululone appenninico

    • Eremo di Camaldoli: taglio di conifere ombreggianti e ripristino di due pozze nello stagno interrato

     

    La progettazione e la direzione lavori è stata seguita da DREAM. Gli interventi al Rifugio il Lago e Stradelli sono stati realizzati dall'Unione dei Comuni Montani del Casentino, mentre quelli a Camaldoli e all'Eremo dai Carabinieri Forestali sez. Biodiversità di Pratovecchio.

     

     

     

     

  • 10/10/2017 Ripristino delle pozze a Pian d'Astura

    Proseguono gli interventi all'interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna per il ripristino dei siti riproduttivi degli anfibi. Un caloroso ringraziamente ai Volontari del Parco Nazionale Foreste Casentinesi che ci hanno aiutato ad ingrandire delle pozze ormai quasi scomparse nei pressi di Pian d'Astura, che costituiscono importantissimi siti riproduttivi per l'Ululone appenninico.

  • 25/09/2017 Intervento di ripristino a Rifugio Il Lago

    Sono iniziati i lavori di ripristino de Il Lago, un'area umida esistente nei pressi dell'omonimo rifugio lungo la strada che porta a Vitareta. Lo stagno rappresenta un ambiente idoneo per la conservazione dell'Ululone e del Tritone crestato, purtroppo negli anni il livello dell'acqua e le dimensioni dello stagno si sono notevolmente ridotti, tanto che ad oggi si osserva solo una grande pozza. L'intervento in atto consiste in operazioni per aumentare il livello nella depressione e per permettere anche un allungamento del tempo di presenza dell'acqua. Inoltre, poichè l'ululone necessita di ambienti soleggiati, è necessario procedere al taglio delle piante arboree che ombreggiano l'area.

  • 15/09/2017 Realizzazione degli interventi a Stradelli

    L'area di intervento è situata nel Comune di Chiusi della Verna (AR), in località podere Stradelli (quota 822 m s.l.m.). Si tratta di un'area pascoliva presente presso un rudere, caratterizzata dalla presenza di un piccolo fosso, affluente di sinistra del Torrente Archiano. Nel 2015 sono stati realizzati alcuni interventi per agevolare la colonizzazione da parte degli anfibi, tramite la creazione di una pozza ed il decespugliamento di una porzione di superficie. Nel 2017 sono stati completati ulteriori interventi, localizzati nell'area a pascolo, a monte ed a valle della pista, ed in prossimità del fosso. È stato realizzato un nuovo fontanile costituito da un gruppo di quattro vasche, di cui la più grande utilizzabile anche per l'abbeverata e le altre tre specifiche per ospitare gli anfibi. I fontanili sono dotati di scale di rimonta esterne ed interne, per permettere l’ingresso e l’uscita degli anfibi. Sono inoltre state realizzate altre 3 pozze dislocate sull'area a pascolo accanto ai fontanili. Le 4 pozze sono state recintate per proteggerle dall’ingresso dei cinghiali.

     

                        

  • 31/08/2017 Interventi di soccorso durante la siccità del 2017

    In questi mesi anche nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi si è osservato uno dei possibili effetti del cambiamento climatico: una devastante siccità, incendi, laghi ridotti a pozzanghere, alvei dei grandi fiumi che emergono in tutto il loro candore.

    A luglio l’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ha pubblicato il rapporto annuale relativo a “Gli indicatori del CLIMA in Italia per il 2016”. Il rapporto spiega che, oltre all’incremento della temperatura media annuale (+1,35°C) rispetto alla media degli ultimi anni, il 2016 ha registrato un calo delle precipitazioni del 6%. Per il 2017, a seguito dell’elevata siccità riscontratasi durante l’estate, si teme un’ulteriore peggioramento di tali indicatori.

    Con il progetto WetFlyAmphibia nel corso dell’estate 2017 si è intervenuti straordinariamente per salvare alcune deposizioni di ululone appenninico, che hanno risentito fortemente di questa siccità protratta.

    Un intervento di soccorso è stato realizzato ad Acquaviva nel comune di Santa Sofia (FC). Nell’area sono presenti degli abbeveratoi in cui non era mai stata registrata la presenza di ovature di ululone, a causa dell’impossibilità degli anfibi di entrare ed uscire dalle vasche. Con il progetto LIFE WFA a inizio 2017 sono state inserite all’interno delle vasche dell’abbeveratoio delle scalette di risalita fatte con le pietre e, grazie a questo piccolo intervento, la scorsa primavera sono state deposte le prime uova.

    Purtroppo in questo anno particolarmente siccitoso questo abbeveratoio si è quasi completamente seccato. I tecnici del Parco ed i carabinieri forestali sono quindi dovuti intervenire per salvare i girini che erano nati, raccogliendoli e trasportandoli in un altro sito con una buona riserva idrica, dove poter completare la loro metamorfosi.

  • 12/5/217 LIFE WFA presente a LIFE & Foreste

    Il 18 e 19 maggio prossimi LIFE WetFlyAmphibia sarà presente alla più importante iniziativa di network per i LIFE che si sono occupati di Foreste in Italia.
    Compagnia delle Foreste in collaborazione con DREAm Italia in occasione del 25° anniversario del Programma LIFE, organizza a Firenze un evento interamente dedicato ai Progetti LIFE forestali italiani!
    Un’occasione per conoscere in modo approfondito le tecniche e le innovazioni messe in campo da ben 10 progetti aderenti e sostenitori dell’iniziativa, per aggiornarsi, formarsi e discutere insieme ai principali referenti nazionali ed europei di ricadute e prospettive del Programma LIFE per il settore forestale.
    Per avere informazioni sull'evento si consiglia di andare al sito web http://www.lifeforeste25.it/.
    La partecipazione all'evento è gratuita ma bisogna affrettarsi ad iscriversi per poter dire "io c'ero". Per l'iscrizione vai   al sito  http://www.lifeforeste25.it/.



  • 17/02/2017 Incontro con gli allevatori del versante romagnolo

     

    Si è svolto presso la sede della Comunità del Parco un incontro con i concessionari dei pascoli del Demanio della Regione Emilia-Romagna, effettuato nell'ambito dell'azione C1 del progetto Life WetFlyAmphibia.
    L'incontro ha consentito di informare i concessionari dei pascoli in merito al progetto e dare avvio agli interventi previsti per la conservazione delle specie target, con particolare riguarda a Bombina pachypus.
    Saranno infatti coloro che gestiscono i pascoli demaniali e che ancora conducono un'attività agro-pastolare all'interno del Parco a realizzare direttamente gli interventi per la conservazione delle specie.
    Questo consentirà un loro coinvolgimento diretto su questa azione e una sensibilizzazione sulle tematiche della conservazione degli anfibi nel Parco nell'arco dell'intero progetto  

  • 16/02/2017 Scarica i documenti tecnici delle azioni preparatorie

    Foto: Roberto Sauli

    Nella sezione prodotti del sito potete scaricare tutti i documenti tecnici prodotti nell’ambito delle azioni A1, A2 e A3.

    Nell’ambito dell’azione A1 sono stati prodotti due documenti che includono i quatrto deliverables previsti:

    -Cartografia della distribuzione di Bombina variegata, Salamandrina terdigitata, Triturus carnifex, Euplagia quadripunctaria* e Eriogaster catax

    -Procedure per l'allevamento ex-situ e trasloco di ululone appenninico Bombina pachypus (Bonaparte, 1838) e salamandrina di Savi Salamandrina perspicillata (Savi, 1821)

    Per quanto riguarda l’azione A2 un unico documento richiudi i tre deliverables previsti (Cartografia delle aree di raccolta delle specie di flora, Documento riassuntivo delle caratteristiche ambientali e pedo-climatiche di tutte le aree di intervento dell'azione C1 e Elenco di specie per riprodurre e conservare nella banca di germoplasma)

    Infine, nell’ambito dell’azione A3 è stato prodotto un primo Documento tecnico per l’implementazione dell’azione concreta C1 con gli interventi prioritari del beneficiario PNFC, CFS e UMCASEN

     

     

     

  • 02/11/2016 Formazione del CAI Tutela Ambiente Montano

     

    Presentazione del progetto.

    Foto: Marcello Miozzo

    Scorso sabato 29 e domenica 30 ottobre il gruppo Tutela Ambiente Montano del CAI ha realizzato una visita di approfondimento nel Parco Nazionale dove sono stati presentati e illustrati i progetti LIFE WetFlyAmphibia, Eremita e MIPP.     

    La CCTAM (Commissione Centrale per laTutela dell'Ambiente Montano) del CAI (Club Alpino Italiano) venne costituita dal Cai nel 1984 ed è impegnata per la tutela dell’ambiente montano e per sviluppare un’adeguata cultura della montagna.

    Il gruppo che ha avuto base al rifugio Pian dei Rocchi nella zona di Fiumicello (FC) ha avuto la opportunità di conoscere in profondità i diversi progetti di salvaguarda della biodiversità nel Parco, tra cui il progetto LIFE WetFLyAmphibia che è stato presentato nella sessione teorica di sabato essendo anche parte dei “giochi della biodiversità” organizzati dal parco.

    Visita alle aree di intervento.

    Foto: Marcello Miozzo

    Domenica è stata svolta un’escursione guidata nelle aree di intervento del progetto nelle zone di Bucine e Campora (FC). I partecipanti hanno avuto l’opportunità di osservare diversi tipi di intervento tra cui la ristrutturazione di fontanili, il ricupero di aree umide e la creazione di nove aree. Nell'escursione hanno partecipato anche tecnici del progetto LIFE Eremita che hanno illustrato i metodi di rilevamento del progetto.

    Le due giornate sono state un’ottima opportunità per la diffusione del progetto tra sogetti che possono costituire divulgatori assetanti dello stesso.

    Gruppo TAM in visita alle aree d'intervento.

    Foto: Marcello Miozzo

  • 24/10/2016 – In corso i primi interventi dell’azione C1

    Sono iniziati i lavori di ricostituzione delle aree umide di Metaleto e Prato al Fiume (Zona Eremo di Camaldoli) a carico del CFS e Podere Stradelli a carico di UMCASEN.

    I confini del SIC IT5180018 con le aree di intervento

    Nelle aree verranno realizzati operazioni per il ripristino o la realizzazione ex novo di aree umide per gli anfibi, associate ad interventi sulla vegetazione per migliorare le condizioni di illuminazione dei siti.

    La zona di intervento di Metaleto (quota 898 m s.l.m.) è localizzata nei pressi del Monastero di Camaldoli, nel Comune di Poppi (AR). Si interverrà su due localizzazioni: la prima riguarda la sistemazione di un'area umida e la seconda la realizzazione di un fontanile a duplice funzione (abbeverata per cavalli e zona umida per gli anfibi).

    L'area di intervento di Prato al Fiume (quota 1060 m s.l.m.) è localizzata nei pressi dell'Eremo di Camaldoli, in località Prato al Fiume, nel Comune di Poppi (AR). Si tratta di una radura a prato che si apre all'interno di una abetina con faggio che, nel tempo, ha notevolmente ridotto lo spazio libero rispetto. Gli interventi sono di tre tipi: ricostituzione dell’area umida, taglio di superficie boscata e sistemazione dello sbarramento del fosso

    L'area di intervento di Podere Stradelli (quota 822 m s.l.m.) è situata nel Comune di Chiusi della Verna (AR), in località podere Stradelli. Si tratta di un'area pascoliva presente, caratterizzata dalla presenza di un piccolo fosso, affluente di sinistra del Torrente Archiano. Si prevede la costruzione di un fontanile con vasche per l'abbeverata e per gli anfibi e la realizzazione di alcune piccole aree umide sul prato.

    I lavori costituiscono la prima fase di interventi nel versante Toscano del Parco cui verranno aggiunti altri interventi entro la prossima primavera.

    Interventi di taglio a Metaleto. Foto: Marcello Miozzo

     

  • 21/10/2016 – LIFE WetFlyAmphibia sul programma televisivo Linea Verde della RAI

    Lo scorso 20 ottobre il programma televisivo Linea Verde ha registrato un servizio sul Parco delle Foreste Casentinesi che includerà una parte dedicata al progetto WetFlyAmphibia. La troupe del programma ha visitato un’area di intervento dove sono in corso lavori di ricostituzione di un area umida.

    Il servizio sarà emesso su RAI 1 il prossimo 6 novembre.

           

  • 05/08/2016- Disponibili gli atti della conferenza iniziale in video e in pdf

     

    Il 20 e 21 luglio 2016 si è tenuta la prima conferenza pubblica del progetto. Alla conferenza che è risultata molto interessante per le tematiche trattate hanno partecipato circa 40 persone.

    All’interno della conferenza di due giorni si sono svolte tre sessioni di lavoro, due all’interno della Sala del museo della bicicletta presso il Lanificio di Stia (AR) e una nelle diverse aree di progetto.

     

    1) Presentazione del progetto e interventi scientifici specifici a questo collegati:

    - Sandro Piazzini (PNFC) - Stato di conservazione delle popolazioni di anfibi e farfalle target del progetto Scarica la presentazione in pdf  
    - Pezzi G., Buldrini F., Cavalletti D., Pitoia F., Scandellone & Chiarucci A.(UNIBO) - Specie vegetali, habitat e paesaggi: alcune considerazioni iniziali Scarica la presentazione in pdf  
    - Vito Santarcangelo (progetto LIFE ARUPALIFE)- I protocolli di riproduzione e reintroduzione di Bommbina pachypus del Progetto LIFE ARUPALIFE Scarica la presentazione in pdf  
     - Thomas Abeli (UNIPV) - Reintroduzione e rafforzamento di specie vegetali funzionali alla reintroduzione di anfibi Scarica la presentazione in pdf  
    -  Davide Alberti (PNFC) Marcello Miozzo (DREAM) - LIFE WET FLY AMPHIBIA contenuti del progetto Scarica la presentazione in pdf  


    2) Network tra progetti LIFE e discussione su come trasferire le pratiche sperimentate nella gestione

    Vito Santarcangelo- LIFE+O8 NAT/IT/000372 ARUPALIFE  Scarica la presentazione in pdf

    Andrea Agapito Ludovici - LIFE14 IPE/IT/000018 — GESTIRE Scarica la presentazione in pdf

    Lars Briggs- LIFE14 NAT DE 000171 - Auenamphibien Scarica la presentazione in pdf

    Roberto Fabbri - LIFE14 NAT/ IT / 000209 - Eremita Scarica la presentazione in pdf

    3) Visita a aree di intervento del progetto

              

  • 30/06/2016-Nuovo materiale divulgativo del progetto

     

    Nell’ambito del progetto LIFE WetFlyAmpbia è stato prodotto del materiale divulgativo consistente in una brochure pieghevole, un poster in formato A3 e due roll-up.

    Se siete interessati in avere a disposizione il materiale cartaceo (brochure pieghevole e poster) oppure se siete interessati ad avere in disposizione i roll-up per mostre o presentazioni potete fare richiesta al Parco Nazionale scrivendo un'email all’indirizzo davide.alberti@parcoforestecasentinesi.it.

    Qui potete scaricare il materiale in pdf:

    Brochure pieghevole

    Poster A3

    Roll-up 1

    Roll-up 2

     

     

  • 08/06/2016- Prima conferenza del progetto 20 e 21 luglio 2016

    Il 20 e 21 luglio 2016 si terrà la prima conferenza pubblica del progetto. La conferenza si terrà nella Sala del museo della bicicletta presso il Lanificio di Stia, Stia (AR).

    Le attività saranno articolate in 3 sessioni di lavoro:

    1 Presentazione del progetto e interventi scientifici specifici a questo collegati

    2 Network tra progetti LIFE e discussione su come trasferire le pratiche sperimentate nella gestione 

    3 Visita a due aree di intervento del progetto

    Il programma può essere scaricato cliccando QUI.

      

  • 11/04/2016- Giornata di aggiornamento per guide escursionistiche

    Foto: Francesco Lemma

    Il prossimo giovedì 14 aprile, il progetto WetFLyAmphibia parteciperà alla Giornata di aggiornamento per guide escursionistiche e operatori delle strutture informative del Parco, che se terrà al Centro Culturale Sandro Pertini di Santa Sofia (FC), la giornata è organizzata dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

    Il programma della giornata è scaricabile al seguente link: Giornata aggiornamento GAE.pdf 

  • 21/03/2016- Secondo turno di volontariato dedicato agli anfibi

                             Foto: Andrea Pollini

    Dal  18 al 20 marzo si è tenuto il secondo dei turni di volontariato del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi dedicato agli anfibi (progetto di volontariato coordinato dalla Coop. Inquiete).

    All'esperienza di volontariato hanno partecipato quattro ragazzi venuti da diverse parte all'Italia e sono stati accompagnati da un coordinatore

    Il meteo è stato benigno e ha permesso loro di creare due nuovi siti di riproduzione per l'ullulone della località di Lavacchio nel comune di Santa Sofia.

    Questi volontari hanno avuto l'opportunità di conoscere più approfonditamente attraverso una presentazione da parte di Davide Alberti del Parco Nazionale.

    L'ultima giornata la hanno dedicato  visitare siti di riproduzione i anfibi e hanno potuto vedere tra altri uova e qualche esemplare di tritone crestato.

    Questo è stato l'ultimo turno di volontariato dedicato agli anfibi per quest'anno, ma dal 15 al 17 di luglio si svolgerà un turno dedicato alle farfalle all'interno del progetto WetFlyAmphibia.

    Regolamento e modulo d’iscrizione scaricabili dal sito del Parco www.parcoforestecasentinesi.it o dall’apposita sezione del forum http://foreste.casentinesi.forumfree.it/. Per maggiori informazioni: volontariato@parcoforestecasentinesi.it.

     

  • 17/03/2016 - Il progetto riceve la prima visita di monitoraggio

    Momento della visita di monitoraggio.  Foto: Belén de Novoa 

    Martedì 15 e mercoledì 17 marzo 2016 si è svolta la prima visita di monitoraggio del progetto LIFE WetFlyAmphibia. La visita strutturata in due sessioni di lavoro è stata svolta da parte del dottore Angelino Carta, del gruppo esterno di monitoraggio Timesis, accompagnato da Bent Jepsen, senior monitor del Central Team di monitoraggio Neemo, che ha partecipato alla visita in qualità di Coordinatore europeo per il monitoraggio dei progetti LIFE Natura.

    Durante la visita hanno partecipato attivamente diversi rappresentanti di tutti i partner. Nella prima sessione di lavoro sono state visitate diverse aree di intervento in entrambi i versanti del Parco. Durante la seconda sessione, svolta nella sede amministrativa del Parco a Pratovecchio (AR), i partecipanti hanno fatto una presentazione degli aspetti tecnici del progetto, descrivendo lo stato di avanzamento delle azioni già avviate e sono stati trattati gli aspetti finanziari e amministrativi del progetto, con verifica da parte del monitor del sistema di rendicontazione e delle spese già effettuate per il progetto.

     
  • 07/03/2016- Volontariato dedicato al progetto WetFlyAmphibia

                             Foto: Andrea Pollini

    Dal 4 al 6 marzo si è tenuto il primo dei turni di volontariato del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi dedicato agli anfibi (progetto di volontariato coordinato dalla Coop. Inquiete).

    Cinque volontari muniti di zappe e vanghe e accompagnanti da un coordinatore hanno lottato contro le avverse condizioni meteorologiche e hanno realizzato diverse aree per la riproduzione dell'ululone nelle località Mandriolo di Sopra e Mandriolo di Sotto nel comune di Santa Sofia

    Foto: Andrea Pollini

    Inoltre questi volontari hanno avuto l'opportunità di conoscere più approfonditamente il progetto visto che il primo giorno è stato dedicato a una presentazione da parte di Davide Alberti del Parco Nazionale e durante il turno hanno potuto visitare altre aree di riproduzione degli anfibi del Parco.

    Il prossimo turno di volontariato dedicato agli anfibi del Parco Nazionale si svolgerà dal 18 al 20 marzo 2016. Invece dal 15 al 17 di luglio si svolgerà un turno dedicato alle farfalle all'interno del progetto WetFlyAmphibia.

    Regolamento e modulo d’iscrizione scaricabili dal sito del Parco www.parcoforestecasentinesi.it o dall’apposita sezione del forum http://foreste.casentinesi.forumfree.it/. Per maggiori informazioni: volontariato@parcoforestecasentinesi.it.

     

     

     

     

  • 05/03/2016- E' stato pubblicato il primo video di presentazione del progetto

    Il primo videoclip del progetto realizzato da DREAM è stato pubblicato. In esso si fa una breve presentazione del progetto WetFLyAmphibia.

  • 02/03/2016 - Sono in corso i rilievi dell'azione A3

    Personale di DREAM con il sostegno del CFS e di UMCASEN sta svolgendo i rilievi delle aree di intervento necessari per la conservazione e consolidamento delle popolazioni di anfibi e farfalle di interesse comunitario di ambienti umidi.

    Dal mese di dicembre 2015 si stano svolgendo sopraluoghi puntuali per tutte le aree di intervento in cui sono previsti interventi, tra cui la riduzione copertura arborea/arbustiva, l'approfondimento delle pozze, la creazione o ripristino di abbeveratoi e fontanili (con l'installazione di scale di rimonta per anfibi), l'installazione di recinzioni, la creazione di sottopassaggi per anfibi e la creazione nuove aree umide). Al termine di queste attività saranno redatti i progetti esecutivi degli interventi previsti nell'azione C1 dal Progetto LIFE.

    Rilievi dell'azione A3. Foto: Andrea Pollini

     

  • 01/03/2016 - Pubblicazione del sito web di LIFE WetFlyAmphibia

    Dal 1 ottobre 2016 è iniziato il Progetto LIFE14 NAT/IT7000759 WetFlyAmphibia- Conservazione di anfibi e farfalle di aree umide e loro habitat nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, della durata di 6 anni (2015-2021).


                                  Aree di intervento. Foto: Roberto Sauli

    Il progetto è svolto dal Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi; Monte Falterona e Campigna (capofila), Corpo Forestala dello Stato, Unione dei Comuni Montani del Casentino, Università di Bologna, Università di Pavia e D.R.E.Am. Italia soc. coop. Agr. For.

    Ululone dal ventre giallo. Foto: Francesco Lemma

    WetFlyAmpphibia punta al miglioramento dello stato di conservazione delle popolazioni di anfibi e farfalle presenti negli habitat di aree aperte umide nell’ambito di una delle aree forestali più pregiate d’Europa, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi; svolgendo una serie di azioni di conservazione necessarie per arrestare le minacce per le popolazioni di interesse di anfibi (Ullulone dal ventre giallo, Salamandrina dagli occhiali e Tritone crestato) e farfalle (Euplagia quadripunctaria*e Eriogaster catax) di aree aperte umide, queste azioni consistono principalmente, oltre al rafforzamento delle popolazioni, nel ripristino di ambienti umidi che si sono nel tempo fortemente ridotti causando indirettamente la riduzione delle specie collegate. Il ripristino di questi ambienti non prevede soltanto la realizzazione fisica di aree umide ma la predisposizione di queste per ritornare ad ospitare alcuni habitat che attualmente sono in fase di riduzione (habitat 6430) mediante il ripristino vegetazionale di queste aree.

Back to top